“Intorno a me” è l’ultimo album pubblicato dal cantautore Mike Messina

Mike Messina nasce a Palermo nel 1981, e fin da bambino cresce musicalmente ascoltando i grandi autori del cantautorato italiano, come De Gregori, Battiato, De Andrè, e i grandi gruppi inglesi come Beatles, Genesis, Queen e Pink Floyd; tutti artisti che avranno una forte influenza poi, sul lato sia sonoro, sia della composizione. Mike Messina non ha un canale ufficiale VEVO, scopri come attivare il tuo canale VEVO e monetizzare i videoclip!

Trasferitosi in Toscana nel 2009 inizia un percorso che lo porterà a studiare gli aspetti della musica che lo avevano affascinato, ritmo e melodia, e iniziare poi a comporre i brani che faranno parte del suo disco d’esordio “Intorno a me”.

I brani sono legati insieme da un sottile filo conduttore, cioè: cosa accade quando vengono messe in discussione quelle certezze su cui si fa affidamento?

La società nella quale sembra immersa la propria vita sembra estranea, tradimenti di affetti o di ideali, la felicità trovata nell’inconsapevolezza di ciò che ci circonda.

Il disco “Intorno a me” è composto da 14 brani, tutti registrati in SIAE (num. pos. 242948), gia fornito di codici ISRC, autoprodotto, registrato presso il Sonoria Recording Plant di Prato nel 2017.

Quando hai deciso di dedicarti alla musica e perché?
Ricordo una foto che tengo in casa, il giorno del mio secondo compleanno. Sono seduto sul divano, davanti c’è la torta con le candeline e sopra di me la chitarra di mio padre. Un altro ricordo a cui rimango aggrappato vede me imbraccio a mia nonna mentre con la mano faccio un gesto di un disco che gira, era il segnale per farmi mettere il 45 giri con la canzone Da da da. Poco più grande in asilo con un mio compagno di banco ci facevamo il ciuffo per cantare le canzoni dei Righeira, credo un pò il Rovazzi dei miei tempi. E di ricordo in ricordo sono arrivato ai giorni nostri. Ho sempre avuto una colonna sonora ad accompagnare i miei anni.

Quali sono stati i tuoi primi passi nel mondo della musica? Raccontaceli.
Quando mi trasferii in Toscana circa 8 anni fa decisi di iniziare a studiare finalmente e seriamente quegli aspetti della musica che mi avevano sempre affascinato. Alla scuola di musica di Scandicci ho fatto tre anni di batteria con il grande Francesco Cherubini, altri tre anni di canto con Lisa Kant, posso dire anche mia amica, e proprio perchè sono molto curioso adesso inizio a studiare tastiere. Ovviamente i primi passi in pubblico, allora soltanto gli amici, indubbiamente da ragazzino in spiaggia con la chitarra.

Qual è il tuo genere musicale?
Intorno a me è un disco Pop. Volutamente e sotto consiglio credo azzeccato di Kant. E’ un disco che cerca di fare da collante tra idee di suoni un pò retrò, direi anni 80 e un metodo compositivo ovviamente più attuale. Ho dovuto sforzarmi per stare dentro i canoni Pop perchè all’interno delle canzoni mi piace creare variazioni, svuotamenti, cambi di intenzione o azzardi di accordi o melodie inaspettati. Il suono è decisamente elettrochitarroso, ho coniato ormai questo termine. Mi permetto di dire che è un disco che va ascoltato nella sua interezza per percepirne il senso completo.

Quali artisti hanno influenzato la tua scelta musicale?
Sono cresciuto a pane, De Gregori e Beatless, i dischi che metteva mio padre. Successivamente ho scoperto i Queen, Pink Floyd, Genesis senza mai abbandonare ad esempio De Andrè, Dalla o Rino Gaetano. Oggi ad esempio ascolto parecchio Gazzè, Fabi, Caparezza. Si può dire che ne risulta una commistione di generi che mi porta a dare importanza assoluta al testo accompagnandolo con suoni, come dicevo prima, che alcune volte tendono a diventare un pò bizzarri. E mi sono contenuto!


Promuovi il tuo singolo su oltre 100 emittenti FM italiane ed entra nella classifica AirPlay nazionale, Inviaci il tuo singolo tramite il modulo sulla pagina www.upload.radiopromoter.it

Pubblica il tuo singolo su oltre 150 store musicali e servizi di streaming. Inserisci la tua musica su iTunes, Apple Music, Google Play, Amazon, Spotify, Deezer e molte altre piattaforme. Visiona tutti i nostri pacchetti sul sito web www.vendimusica.com


Hai pensato di mettere insieme una band per i live?
Per il momento i live li porto dividendo il palco con Giovanni Favuzza, chitarrista e coproduttore del disco. Dovete sapere che nel disco le chitarre sono gli unici strumenti suonati realmente. I restanti strumenti li ho costruiti tramite pc, con tanta fatica aggiungerei. In questo modo riusciamo in due a portare tranquillamente il live. Però si, mi alletta l’idea di creare una band che mi supporti, e sopporti!

Che cosa nei pensi dei Talent Show?
Personalmente sono contrario all’idea di competizione musicale. La musica va suonata, ascoltata e condivisa. Sono d’accordo ai festival, che presentano un numero di artisti in un periodo limitato ma ritengo che occupare un canale televisivo per un’intera stagione dando spazio soltanto ad un numero ristrettissimo di artisti equivalga a tagliare fuori altre centinaia di persone che in questo modo non trovano spazio. Ovviamente è un’operazione commerciale in quanto il vincitore o i finalisti, durante il periodo del talent, entrano in modo aggressivo e costante dentro le case della gente e quando gli viene confezionato il primo disco è una vittoria assicurata per le mayor. Per tutti gli altri iscritti gli rimane un contratto che li lega per 5 – 7 anni senza la possibilità di fare molto, praticamente bruciati. Certamente il talent cerca la bella voce ottima per un’interprete. Per un cantautore non ha particolare senso cercare di emergere interpretando brani non propri.

Cos’è la musica per te?
Come spiegavo all’inizio è una colonna sonora che accompagna il film della propria vita. C’è una musica ed un suono per ogni momento, per ogni stato d’animo. Sei felice ed ascolti un tipo di musica, sei triste e ti fai coccolare da altra musica. L’essere umano ha con essa un qualche legame ancestrale che sinceramente non riesco a spiegarmi. Per alcuni diventa una costante di vita ed è un modo per esprimere ciò che ha dentro. Una necessità espressiva e comunicativa.

Descrivi il tuo singolo in 3 parole.
Martina è la persona che cerca di tenere sotto controllo tutti gli eventi della propria vita. Pianifica e tenta di prevedere per far si che nulla esca fuori dal suo standard razionale. Vuole una vita sicura senza imprevisti. Ma la vita non è solo razionalità, ci sono incontri, variazioni impreviste, viaggi, scoperte. Di fronte a certe emozioni che non riesce a incasellare in uno schema razionale lei si domanda come sarebbe stata la propria vita se avesse intrapreso scelte differenti. Magari scelte difficili che avrebbero comportato grandi sforzi.

Quando prevedi di uscire con un nuovo singolo o un nuovo album?
Probabilmente a gennaio uscirà un nuovo video. Questa volta sarà più elaborato e avrà un’impronta più tradizionale. Sono ancora indeciso tra due canzoni, molto diverse tra loro, quindi cercherò di capire in questo mese come muovermi in base alle reazioni del pubblico. Il nuovo album sicuramente arriverà se si trova un buon contratto con un’etichetta. Ho molte cose in mente, materiale per altri due album, anche in questo caso molto diversi tra loro e da Intorno a me.

Con la Cartolina Digitale Monitorata puoi inviare il tuo singolo a tutte le frequenze radiofoniche italiane e straniere!

Abbandoneresti l’Italia per vivere un’esperienza musicale all’estero?
Ho sempre una valigia pronta

Mike Messina è su Facebook.